Accedi - Registrati

Sinistra XXI - www.sinistra21.it

Memoria, sfide, prospettive

La sinistra radicale è una protagonista poco raccontata di quell’organismo sovra- e internazionale che è l’Europa di oggi. Un’istituzione che si scontra con un panorama economico sollecitato, e a tratti sconvolto, da crisi ed emergenze di vario genere, come le questioni dell’immigrazione o del corretto equilibrio uomo-natura.

Un’Europa che, senza la spinta di una sinistra che sia in grado di far fronte alle diverse questioni, rischia di non essere in grado di opporsi concretamente al pericolo rappresentato dai nazionalismi che sembrano riaffacciarsi sul panorama politico facendo leva sul clima di incertezza generale.

Un libro che raccoglie il pensiero di alcuni fra i più accreditati intellettuali e attivisti europei, coinvolti nella rete di transform!europe, impegnata nella discussione di una politica che guardi all’Europa in modo inedito e promuova l’azione della sinistra per l’affermazione di una prospettiva democratica e sociale per tutto il Continente.

Leggi un estratto in anteprima!

Ricevi via email l'indice e l'introduzione

Venerdì, 18 Settembre 2020 10:05

Ordina un libro

Prima dell’emergenza COVID-19, lo “smart working” (o “lavoro agile”) interessava solo una parte minoritaria dei lavoratori. Oggi, dopo il lockdown, è entrato prepotentemente nella quotidianità di molti lavoratori che svolgono la loro attività in casa da remoto, comunque al di fuori dell’usuale luogo di lavoro.

I sindacati USB, Cub, UniCobas, Cobas Sardegna proclamamo due giornate di sciopero e mobilitazione il 24 e 25 settembre a cui aderiscono organizzazioni studentesche e collettivi universitari. I sindacati confederali manifesteranno sabato 26 con il movimento "Priorità alla scuola". Ma cosa accadrà a settembre nelle scuole e nelle facoltà?

Aderisci all'appello e rimani aggiornato!

Martedì, 04 Agosto 2020 23:57

Tesseramento 2020

Per aderire clicca qui: https://forms.gle/donTzU2nY891Qj599

Ho voluto scrivere quest’articolo a onor di verità, ma anche perché l’Albania è molto legata all’Italia per tanti motivi storici e per la presenza di una grande comunità d’immigrati albanesi e sarebbe bene che gli italiani fossero correttamente informati sugli avvenimenti del loro piccolo paese vicino di casa.

Etichettato sotto

La ricerca che qui si presenta  approfondisce un ambito del programma “Democrazia come autogoverno” presentato a Transform!Europe nel 2019; essa affronta il fenomeno migratorio in correlazione con l’azione del Governo italiano su tre profili di risonanza europea e internazionale: la mancata firma del Global Compact for Safe, Orderly, and Regular Migration; la gestione securitaria della crisi migratoria; la narrazione tossica delle migrazioni, focalizzandosi sulle esperienze di accoglienza alternativa.

Contributo di Giacinto Botti e Maurizio Brotini, Direttivo nazionale CGIL

Autori

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok